PREGHIERA AD APOLLO

Preghiera ad Apollo Timbreo è un appellativo di Apollo, così chiamato dalla città di Timbra, nella Troade, antica località dell’Anatolia, dove sorgeva un tempio dedicato al suo culto (cfr. Aen. III 85, Georg. IV 322).  Thymbraee, domum; da moenia fessis et genus et mansuram urbem; serua altera Troiae Pergama, reliquias Danaum atque immitis Achilli. quem sequimur? quoue ire iubes? ubi ponere sedes? da, pater, augurium atque animis inlabere nostris Dacci, o Apollo (Timbreo), una dimora nostra, siamo uomini stanchi, donaci una terra, una stirpe, una patria che duri nel tempo, un’altra Pergamo troiana Porta in salvo ciò che è sfuggito alla strage dei Greci e del feroce Achille. Chi ci guiderà e dove…

SATURNALI, VIRGILIO E IDEALIZZAZIONE DELL’ETA’ DELL’ORO

Saturnali, Virgilio e idealizzazione dell’eta’ dell’oro Con Virgilio, l’epoca Augustea, il mito dell’età dell’oro assume anche una importanza specifica come fattore di propaganda politica. In questo periodo, l’età dell’oro rappresenta l’idealizzazione della nuova realtà politica, Saturno è presentato come garante della pace e prosperità, la figura così caratterizzata di Saturno anticipa quella di Augusto, che avrebbe appunto riportato gli aurea saecula. Hic vir, hic est, tibi quem promitti saepius audis, Augustus Caesar, Divi genus, aurea condet saccula qui rursus Latio regnata per arva Saturno quondam; super et Garamantas et Indos proferet imperium: iacet extra sidera tellus Ouesto è l’uomo che spesso ti senti promettere, l’Augusto Cesare, figlio del Divo, che fonderà di nuovo…

ORACOLO DI FAUNO

Oracolo Di Fauno La Religio greca e latina tendeva a valorizzare le caratteristiche geologiche dei luoghi come santuari naturali.Il toponimo Albunea, ha indotto in errore tanti commentatori che identificavano erroneamente con l’Albunea citata da Virgilio con la divinità oracolare che aveva dimora nell’acropoli di Tivoli, tale  prova è confortata dall’assenza di esalazioni solforose in zona e nemmeno identificabile con la zona delle Acque Albule, perché vi è troppa distanza tra le stesse ed il territorio del rex Latino citato da Virgilio, è verosimile allora che Albunea, in questo caso, sia una selva posta nel territorio di Lavinio ed è probabile che Albunea si trovava nella Selva Laurentina, dove ribollivano le acque di…

VENERE E IL DITTAMO

Il dittamo è un pianta perenne spontanea e aromatica e viene anche chiamata frassinella perché la forma delle sue foglie ricorda da vicino quella del frassino. In alternativa è parimenti usato il nome di limonella poiché le sue foglie, se sfregate, emanano un intenso profumo del tutto simile a quello del limone. Il nome generico deriva da “Dikti”, nome di un monte dell’isola di Creta e da “thamnos” (arbusto). La sua fioritura avviene in primavera ed è molto profumato e produce tanti oli essenziali. il dittamo bianco è un’erba officinale ed un’erba medicinale. Hic Venus indigno nati concussa dolore dictamnum genetrix Cretea carpit ab Ida puberis caulem foliis et flore comantem purpureo Qui…

IUTURNA

L’11 gennaio si teneva la festa di Giuturna, Nella mitologia romana Giuturna, come ci ha  tramandato Virgilio, era una ninfa delle fonti e sorella di Turno. Nympha decus fluviorum animo gratissima  nostro scis ut te cunctis unam quaecumque latine magnanimi Iovis ingratum ascendere cubile… Ninfa, gloria dei fiumi, graditissimo al nostro animo, sai come abbia anteposto solo te a tutte le donne latine che ascesero al l’ingrato giaciglio del magnanimo Giove. “Virgilio, Eneide, lib. XII 142 – 145” Giuturna  prende l’aspetto del defunto condottiero italico Camerte per radunare l’esercito dei Rutuli e mandarlo all’attacco contro i Troiani. Successivamente cerca di proteggere il fratello nel duello che questi intraprende contro Enea, ma alla…

TIBERINALIA

Festa in onore di Tiberinus e Gaia. Tiberino è il dio del fiume Tevere. Gaia è la dea della Terra. Il Tevere, per le sorti della nascente città, fin dalla leggenda di Romolo e Remo, ha sempre avuto un posto di rilievo nella vita e nell’economia di questi luoghi. Le antiche genti locali veneravano il culto del Pater Tiberinus, celebrato ogni anno l’8 dicembre, il tempio si trovava sull’isola Tiberina. Le Tiberinalia, erano cerimonie di purificazione delle acque e delle sorgenti. La mitologia Romana fa derivare Il nome del fiume Tiber, da Tiberino figlio di dio Giano e della ninfa Giuturna. Tiberinus dio delle acque, era temuto per le disastrose inondazioni, era anche detto…

AFRODITE E ANCHISE

Enea nacque dall’amore di Afrodite e Anchise. La dea s’innamorò di Anchise, era un uomo bellissimo, mentre l’uomo pasceva le sue mandrie sul Ida, nei pressi di Troia, Afrodite si traviso’ da principessa frigia per convincerlo a corrispondere il suo amore. Quando Afrodite rivelò ad Anchise la sua vera identità gli preannunciò che il nascituro avrebbe avuto fama eterna. L’amore di Afrodite per Anchise è narrato nell’Inno omerico ad Afrodite. Secondo la leggenda, durante una festa, Anchise, in preda a una sbornia, si vantò del suo amore con la dea, Zeus, infuriato lo colpì con un fulmine rendendolo zoppo.  Quis te nate dea per tanta pericula casus insequitur ? Quae vis inmanibus…

ENEA SBARCA nel LAZIO

10 advectum Aenean classi victosque penatis inferre et fatis regem se dicere posci edoceat, multasque viro se adiungere gentis Dardanio et late Latio increbrescere nomem 10 Enea è sbarcato con la flotta e porta i vinti Penati e si dice chiesto dai fati come re, che molti popoli s’uniscono all’eroe dardanio ed il nome si sparge a vasto raggio nel Lazio Virgilio, Eneide VIII – 10 Enea sbarca nel Lazio, 140 – 150 d.C. – British Museum

IMPERIO DI ROMA

“Tu regere imperio populos Romane memento           hae tibi erunt artes pacique imponere morem            parcere subiectis et debellare superbia”   “Ricordati,  o Romano, di reggere col tuo imperio i popoli, , queste saranno le tue arti, e di imporre la legge della pace, risparmiare i sottomessi e debellare i superbi.”   Virgilio, Eneide, VI 851-853 Aquila Romana dal Ponte Flaminio – Roma

Page 1 of 212»