EPIGRAFI COME POESIE : PACUVIO

  Epigrafi come poesie : PACUVIO 4 Epigramma Pacuuii uerecundissimum et purissimum dignumque eius elegantissima grauitate: adulescens, tam etsi properas, hoc te saxulum rogat ut se aspicias, deinde, quod scriptum est, legas. hic sunt poetae Pacuui Marci sita ossa hoc uolebam, nescius ne esses. uale. 4 L’epigrafe di Pacuvio è piena di modestia e sempre degna dell’elegante gravità che gli fu propria: «O giovanetto, se pure tu hai fretta, questa pietra ti chiama: ora guardala e leggi quel che vi è scritto: del poeta Marco Pacuvio qui ci stanno le ossa. Volevamo che non l’ignorassi. Addio». PACUVIO cit. in Notti Attiche lib.1, 24 – 4 Notti Attiche Immagine: dettaglio di Atalanta di Guido…