PORPORA

PORPORA Questo passo della Naturalista Historia, Plinio il Vecchio, racconta come si otteneva il pregiato secreto della murice per ottenere il colore rosso porpora, segno distintivo dell’aristocrazia della nobiltà romana. «Le porpore vivono al massimo sette anni. Si nascondono, come i murici, all’inizio della canicola per trenta giorni. In inverno si riuniscono e, sfregandosi tra di loro emettono un particolare umore mucoso. Nella stessa maniera fanno i murici. Ma le porpore hanno in mezzo alla bocca quel fiore ricercato per tingere le vesti. Qui si trova una candida vena con pochissimo liquido, da cui nasce quel prezioso colore di rosa che tende al nero e risplende. Il resto del corpo non serve…

ALESSANDRO E L’INCENSO

Alessandro e l’incenso …Alessandro Magno in pueritia sine parsimonia tura ingerenti aris pedagogus Leonides diexerat ut illo modo cum devicisset turiferas gentes supplicare at ille Arabie potitus ture onustam navem misti et exhortatus est ut large deos adoraret… …Alessandro Magno, da ragazzo, offriva incenso sull’altare senza parsimonia  il suo maestro Leonida gli disse che avrebbe potuto fare le sue suppliche in questo modo, ma solo dopo aver sconfitto i popoli che producono l’incenso. Allora, dopo aver conquistato l’Arabia, Alessandro gli mandò una nave carica d’incenso e lo esortò ad essere generoso nel culto degli dei. Naturalis Historia: XII, 62  Alessandro Magno dalla Casa del Fauno, Museo archeologico nazionale di Napoli

IL FANCIULLO E IL DELFINO

Leggenda del Fanciullo e il Delfino …Divo Augusto principe Lucrinum lacum invectus pauperis cuiusdam puerum ex Baiano Puteolos in ludum litterarium itantem, cum meridiano immorans appellatum eum simonis nomine saepius fragmentis panis, quem ob iter ferebat, adlexisset, miro amore dilexit. pigeret referre, ni res Maecenatis et Fabiani et Flavii Alfii multorumque esset litteris mandata. quocumque diei tempore inclamatus a puero, quamvis occultus atque abditus, ex imo advolabat pastusque e manu praebebat ascensuro dorsum, pinnae aculeos velut vagina condens, receptumque Puteolos per magnum aequor in ludum ferebat simili modo revehens pluribus annis, donec morbo extincto puero subinde ad consuetum locum ventitans tristis et maerenti similis ipse quoque, quod nemo dubitaret, desiderio expiravit.  Durante…

ALLORO

manu satarum receptarumque in domos fulmine sola non icitur. ob has causas equidem crediderim honorem ei habitum in triumphis potius quam quia suffimentum sit caedis hostium et purgatio, ut tradit Masurius, adeoque in profanis usibus pollui laurum et oleam fas non est, ut ne propitiandis quidem numinibus accendi ex iis altaria araeve debeant. laurus quidem manifesto abdicat ignes crepitu et quadam detestatione, interaneorum etiam vitia et nervorum ligno torquente. Ti. principem tonante caelo coronari ea solitum ferunt contra fulminum metus.  Plinio, Hstoria Naturalis 15,134-135 È l’unico degli alberi piantati dalle mani dell’uomo e allevati in casa, a ficoerere colpito dal fulmine. (…) nemmeno nel caso di sacrifici propiziatori alle divinità è consentito accendere…

VINALIA PRIORA 23 aprile

Le Vinalia urbana o priora erano celebrate il 23 aprile, in questa occasione si assaggiava il vino nuovo e venivano offerte libagioni a Giove. Ovidio fa risalire l’usanza al duello fra il re etrusco Mezenzio ed Enea. Mezenzio aveva accettato di combattere per i Rutuli a patto di dividere il loro mosto dell’annata. Enea, saputolo, promette a Giove il mosto delle viti latine e vince il duello. Vinalia priora, quae ante hos dies sunt VIIII kal. Mai. degustandis vinis instituta, nihil ad fructus attinent, nec quae adhuc diximus ad vites oleasque, quoniam earum conceptus exortu vergiliarum incipit a. d. VI id. Mai… Le prime Vinalia che vengono prima di questi nove giorni che…