SI TROVA SEMPRE QUALCUNO

Ergo age ne dubita cunctas sperare puellas vix erit e multis quae neget una tibi quae Dante quaeque negant gaudente tasmen esse rogate ut tam fallaris tuta repulsa tua est sed cur fallaris cum sito nova gratas voluptas et capiant animos plus aliena suis fertilior seges est alienis sempre in agris vicinumque pecvus grandius uber habet

MESSALINA nei racconti di GIOVENALE

Valeria Messalina fu imperatrice e consorte dell’imperatore Claudio, più anziano di lei di circa 30 anni, che aveva sposato quattordicenne per volere dell’imperatore Caligola. Messalina giovane e inquieta, mal sopportava la vita di palazzo conduceva invece un’esistenza trasgressiva e sregolata, per questo motivo subi l’accanimento da parte degli storici dell’epoca, spesso era strumento della propaganda dei senatori, che mirava a colpire i propri antagonisti sul piano morale, descrivendoli come nemici del mos maiorum e, in quanto moglie di Claudio il suo modo di vivere le causò l’ostilità e l’odio dei fedeli di Claudio. Messalina tra i tanti rapporti adulterini con i vari personaggi in vista spiccava la tresca con Gaio Silio tanto che…

GIULIO CESARE 12 o 13 luglio

Cesare nacque il 13 luglio del 101 o il 12 luglio del 100 a.C. nella Suburra, un quartiere di Roma, da un’antica e nota famiglia patrizia, la gens Iulia, che, secondo il mito, annoverava tra gli antenati anche il primo e grande re romano, Romolo, e discendeva da Iulo (o Ascanio), figlio del principe troiano Enea, figlio a sua volta della dea Venere. Immagine: Giulio Cesare dal Jardin le Tuileries

GORDIANO III 

Marco Antonio Gordiano Pio,  diviene imperatore il 9 luglio dell 238 d.C. all’età di 13 anni fino alla sua morte avvenuta sei anni dopo durante una campagna militare contro i Sasanidi. Visto la sua giovane eta il governo dell’impero fu nelle mani di reggenti appartenenti all’aristocrazia senatoriale, che si dimostrarono capaci; Gordiano funse da simbolo dell’unità dell’impero, riscuotendo il sostegno del popolo. La storiografia ne dipinge quindi un ritratto estremamente positivo, forse anche in opposizione al suo successore Filippo l’Arabo. “Divo Gordiano, victori Persarum, victori Gothorum, victori p446Sarmatarum, depulsori Romanarum seditionum, victori Germanorum, sed non victori Philipporum.”  « Il divo Gordiano, vincitore dei Persiani, vincitore dei Goti, conquistatore dei Sarmati, che respinse…

CASTORE E POLLUCE 13 Agosto

Il tempio dedicato ai Diòscuri o Càstori fu costruito per un voto offerto dal dittatore Aulo Postumio durante la battaglia del Lago Regillo. Il risultato della battaglia, inizialmente sfavorevole ai Romani, si dice sia stato deciso dall’apparizione dei mitologici Dioscuri, Castore e Polluce. Il 15 luglio era tradizione che gli equites svolgessero una processione fastosa a cavallo verso il tempio, dato che consideravano i Dioscuri, celebri cavalieri, i propri protettori. Narra Dionigi d’Alicarnasso:  «Nel corso del combattimento apparvero, tanto al dittatore Postumio quanto ai soldati, due cavalieri di età giovanile, assai superiori a chiunque altro per bellezza e per statura. Essi si posero alla testa della cavalleria romana e, respinto l’attacco dei…

FLAVIO CLAUDIO GIOVIANO

 27 Giugno Gioviano succede a Giuliano. Il 26 giugno 363 d.C., l’imperatore Giuliano rimasto ucciso in seguito alle ferite riportate in una battaglia contro i Sassanidi. Gioviano, venne eletto, avventatamente a parere di Ammiano Marcellino, imperatore da un consiglio di comandanti dell’esercito e delle legioni, dopo che la scelta era inizialmente ricaduta su Salustio, prefetto del pretorio d’Oriente, di maggiore esperienza, ma che rifiutò. Ammiano Marcellino definì Goviano un debole, succube del Cristianesimo e incapace politicamente per la sua giovane età. Infatti Gioviano concluse con i persiani una pace svantaggiosa per Roma, abbandonando i territori conquistati da Galerio in Mesopotamia nel 297 e tutta l’Armenia, Tale scelta fu aspramente criticata dallo storico del tempo…

Flavio Claudio Giuliano muore il 26 giugno

Flavio Claudio Giuliano muore il 26 giugno del 363 d.C., la mattina dopo la notte insonne e agitata, malgrado l’opinione contraria degli aruspici, tolse le tende per recarsi  Samarra. Durante la marcia, presso il villaggio di Toummara, si accese un combattimento nella retroguardia: Giuliano accorse senza indossare l’armatura, si lanciò nella mischia e un giavellotto lo colpì al fianco. Cercò subito di estrarlo ma cadde da cavallo e svenne. Portato nella sua tenda, si rianimò, credette di star meglio, volle le sue armi ma le forze non risposero alla volontà. Chiese il nome della località: «è Frigia», gli risposero. Giuliano comprese che tutto era perduto: un tempo aveva sognato un uomo biondo…

FLAVIO CLAUDIO GIULIANO “il presagio”

Nella notte del 25 giugno del 363 d.C. gli sembra di scorgere nel buio della sua tenda una figura: è il Genius Publicus, quello che gli era apparso nella  notte di Lutetia e lo aveva invitato a non lasciarsi sfuggire l’occasione di prendere il potere. Ora gli appare per l’ultima volta, ha il capo velato in segno di lutto, lo guarda senza parlare, poi si volta e lentamente svanisce così come gli era apparso. 3 Ispe autem ad sollicitam suspensamque quietem paulisper potractus cum somno ut solebat depulso ad aemulationen Cesaris Iulii quaedam sub pellibus scribens obscuro noctis altitudine sensi cuiusdam philosophi tenerunt vidit squalidius ut confessus est proximis specie illam Genii…

HONOS et VIRTUS 15 luglio

Festa in onore di Honor et Virtus, divinità personificazione dell’onore e della virtù. Nel 234 a.c. Quinto Fabio Massimo Verrucoso dedicò un tempio ad Honor dopo la guerra con i Liguri. Nel 222 a.c. Marco Claudio Marcello, dopo la battaglia di Clastidium, decise di costruire un tempio dedicato ad Honor et Virtus, modificando il tempio esistente di Honor, cosa che fu vietata dai pontefici poiché un’unica cella non poteva essere dedicata a due dei, così edificò una nuova cella dedicata a Virtù, come da testimonianza   di Cicerone: …vides Virtutis templum vides Honoris a M. Marcello renovatum, quod multis ante annis erat bello Ligustico a Q. Maxumo dedicatum… .…Esiste, e puoi vederlo,…

Page 30 of 48« First...1020«2829303132»40...Last »