LUCARIE 19 LUGLIO

Le Lucarie, il cui termine deriva dal latino lucus ossia bosco sacro, vennero istituite per celebrare le divinità dei boschi e si celebrava in un lucus tra la Salaria e il Tevere. La festività fu istituita a ricordo e a monito, dopo la tremenda sconfitta subìta dai Romani ad opera dei Galli guidati da Brenno, nei pressi del fiume Allia, piccolo affluente del Tevere. I Romani in fuga trovarono riparo nella fitta vegetazione scampando in parte alla furia dei Galli. Mentre secondo altre fonti la festa era dedicata ai boschi e alle divinità Silvane. Per Ovidio è festa consacrata a un asilo che Romolo aveva fondato nei pressi del Tevere. tum quoque vicini…

TRANSVERTIO EQUITUM 15 Luglio

Il 15 luglio si celebrava la Transvertio equitum: una parata di cavalieri, vestiti con una tunica bordata di porpora e una corona d’alloro in testa, sfilavano in parata dal tempio di Marte a Porta Capena fino al tempio dei Dioscuri nel Foro, in ricordo della battaglia avvenuta nei pressi del lago Regillo. Livio e Dionigi d’Alicarnasso raccontano l’episodio storico: che Aulo Postumio, sprono la cavalleria ad unirsi alla battaglia al fianco della fanteria, questo ordine determino un capovolgimento delle sorti a favore  dell’esercito di Postumio e dichiarò che avrebbe istituito una festa in onore dei Dioscuri, Castore e Polluce. Nella battaglia si schierarono a sostegno della cavalleria e della fanteria poi ma,…

Furrinalia 25 Luglio

Furrina (in alcuni manoscritti Furina) è una divinità romana arcaica legata alle acque ma la cui natura non è del tutto chiara. A Roma aveva un bosco sacro denominato Lucus Furrinae, sulle pendici del Gianicolo dove si trovava una fonte a lei dedicata. Al suo culto era dedicato il flamine furrinale, la festività era denominata Furrinalia e si celebrava il 25 luglio. L’esatta natura della dea si era già persa in epoca imperiale, tanto che cominciò a essere associata alle Furie sulla base della semplice assonanza del nome. Nello stesso periodo, documenti epigrafici attestano che la dea cominciò ad essere nominata al plurale come Furrinae o nymphae Forrinae. Nel suo bosco sacro, inoltre, cominciarono ad…

DIES ALLIENS 18 luglio

il 18 luglio del 390 a.C. Roma fu attaccata dai Galli di Brenno nella piana solcata dall’Allia, un affluente di sinistra del Tevere, mettendo in fuga l’esercito dei Romano. In seguito a questa sconfitta Roma fu espugnata dai Galli Senoni di Brenno che sottoposero la città ad un disastroso saccheggio. La data del 18 luglio, dies Alliensis che corrispondeva appunto alla battaglia del fiume Allia fu sempre considerata infausta dai Romani. In reliqua acie simul est clamor proximis ab latere, ultimis ab tergo auditus, ignotum hostem prius paene quam uiderent, non modo non temptato certamine sed ne clamore quidem reddito integri intactique fugerunt; nec ulla caedes pugnantium fuit; terga caesa suomet ipsorum…

SI TROVA SEMPRE QUALCUNO

Ergo age ne dubita cunctas sperare puellas vix erit e multis quae neget una tibi quae Dante quaeque negant gaudente tasmen esse rogate ut tam fallaris tuta repulsa tua est sed cur fallaris cum sito nova gratas voluptas et capiant animos plus aliena suis fertilior seges est alienis sempre in agris vicinumque pecvus grandius uber habet

MESSALINA nei racconti di GIOVENALE

Valeria Messalina fu imperatrice e consorte dell’imperatore Claudio, più anziano di lei di circa 30 anni, che aveva sposato quattordicenne per volere dell’imperatore Caligola. Messalina giovane e inquieta, mal sopportava la vita di palazzo conduceva invece un’esistenza trasgressiva e sregolata, per questo motivo subi l’accanimento da parte degli storici dell’epoca, spesso era strumento della propaganda dei senatori, che mirava a colpire i propri antagonisti sul piano morale, descrivendoli come nemici del mos maiorum e, in quanto moglie di Claudio il suo modo di vivere le causò l’ostilità e l’odio dei fedeli di Claudio. Messalina tra i tanti rapporti adulterini con i vari personaggi in vista spiccava la tresca con Gaio Silio tanto che…

GIULIO CESARE 12 o 13 luglio

Cesare nacque il 13 luglio del 101 o il 12 luglio del 100 a.C. nella Suburra, un quartiere di Roma, da un’antica e nota famiglia patrizia, la gens Iulia, che, secondo il mito, annoverava tra gli antenati anche il primo e grande re romano, Romolo, e discendeva da Iulo (o Ascanio), figlio del principe troiano Enea, figlio a sua volta della dea Venere. Immagine: Giulio Cesare dal Jardin le Tuileries

GORDIANO III 

Marco Antonio Gordiano Pio,  diviene imperatore il 9 luglio dell 238 d.C. all’età di 13 anni fino alla sua morte avvenuta sei anni dopo durante una campagna militare contro i Sasanidi. Visto la sua giovane eta il governo dell’impero fu nelle mani di reggenti appartenenti all’aristocrazia senatoriale, che si dimostrarono capaci; Gordiano funse da simbolo dell’unità dell’impero, riscuotendo il sostegno del popolo. La storiografia ne dipinge quindi un ritratto estremamente positivo, forse anche in opposizione al suo successore Filippo l’Arabo. “Divo Gordiano, victori Persarum, victori Gothorum, victori p446Sarmatarum, depulsori Romanarum seditionum, victori Germanorum, sed non victori Philipporum.”  « Il divo Gordiano, vincitore dei Persiani, vincitore dei Goti, conquistatore dei Sarmati, che respinse…

CASTORE E POLLUCE 13 Agosto

Il tempio dedicato ai Diòscuri o Càstori fu costruito per un voto offerto dal dittatore Aulo Postumio durante la battaglia del Lago Regillo. Il risultato della battaglia, inizialmente sfavorevole ai Romani, si dice sia stato deciso dall’apparizione dei mitologici Dioscuri, Castore e Polluce. Il 15 luglio era tradizione che gli equites svolgessero una processione fastosa a cavallo verso il tempio, dato che consideravano i Dioscuri, celebri cavalieri, i propri protettori. Narra Dionigi d’Alicarnasso:  «Nel corso del combattimento apparvero, tanto al dittatore Postumio quanto ai soldati, due cavalieri di età giovanile, assai superiori a chiunque altro per bellezza e per statura. Essi si posero alla testa della cavalleria romana e, respinto l’attacco dei…

Page 30 of 48« First...1020«2829303132»40...Last »