VENUS OBSEQUIENS 19 Agosto

Nel 295 a.C., quando era edile curule Quinto Fabio Gurgite, dedicò un tempio a Venere Propizia (Venus Obsequiens), dopo una battaglia vittoriosa contro i Sanniti. Il tempio, che venne costruito vicino al Circo Massimo, fu finanziato con le multe imposte alle matrone, che avevano comportamenti pubblici non consoni al nobile lignaggio cui appartenevano.

Tempio DEA SALUS 5 agosto

Festa celebrata in onore di Salus, Dea della salute e della prosperità sia privata che pubblica. Anniversario della dedicatio del tempio della dea. Nel 311 a.c. C. Il dittatore Iunius Bubulcus aveva promesso alla dea Salus un tempio da costruire sul colle Quirinalis. Durante il consolato di Marco Livio Dente e di Marco Emilio riprese la guerra contro gli Equi che erano insorti, per neutralizzare questa insurrezione inviarono Gaio Giunio Bubulco. tumultus eius causa dictator diceretur C. Iunius Bubulcus. Cum M. Titinio magistro equitum profectus primo congressu Aequos subegit ac die octavo triumphans in urbem cum redisset aedem Salutis, quam consul voverat censor locaverat, dictator dedicavit. …per far fronte a quell’insurrezione venne nominato…

IMPERATORE CLAUDIO 1 agosto

Nasce a Lugdunum, 1º agosto del 10 a.C. Tiberio Claudio Druso, figlio di Druso maggiore e Antonia minore, durante il corso della sua vita fu ritenuto un  improbabile canditato al ruolo di imperatore e di lui si nutriva una  scarsa considerazione politica, aveva infermità fisiche di cui una zoppia (da qui deriva il termine medico di CLAUDICARE) , tanto che la sua famiglia lo tenne lontano dalla vita pubblica fino all’età di quarantasette anni, quando tenne il consolato assieme al nipote Caligola. Questa infermità e la scarsa considerazione politica gli permisero di sopravvivere agli intrighi che colpirono gli esponenti della nobiltà romana durante i regni di Tiberio e Caligola: alla morte di…

TEMPIO  di MARTE ULTORE

Anniversario della dedicatio del tempio di Marte Ultore nel Forum Augusti. Il tempio venne costruito dall’imperatore Augusto dopo averne fatto promessa in caso di vittoria nella battaglia di Philippi del 42 a.C., dove sconfisse i cesaricidi Bruto e Cassio, vendicandone la morte. Svetonio infatti ricorda che, probabilmente la costruzione venne iniziata, insieme a quella del foro, solo dopo che Augusto aveva consolidato il potere, il tempio venne solennemente inaugurato quarant’anni dopo la promessa nel 2 a.C. …Aedem Martis bello Philippensi pro ultione paterna suscepto voverat; sanxit ergo, ut de bellis triumphisque hic consuleretur senatus, provincias cum imperio petituri hinc deducerentur, quique victores redissent, huc insignia triumphorum conferrent… Per il tempio di Marte…

ADRIANO 10 luglio

Il 10 luglio del 138 d.C. muore a Baia all’età di 62 anni l’mperatore Publio Elio Adriano. « Animula vagula blandula hospes comesque corporis  quae nunc abibis in loca  pallidula rigida nudula  nec ut soles dabis iocos »                                                                                                                 « Piccola anima smarrita e soave, compagna e ospite del corpo, ora t’appresti a scendere in luoghi incolori, ardui e spogli,  dove non…

LA CALURA dell’ESTATE

Fonti muscose ed erba dolce del sonno e la rada ombra verde del corbezzolo vi ripara e difende il bestiame dalla calura già è venuta la torrida estate le gemme s’inturgidiscono sul floscio ramo Muscosi contea et sommo mollior herba et quae vos rara viridis tegit arbutus umbra solstitium pecori defendite iam venir aestas torrida iam lento turgetin palmite gemmae. Virgilio, Ecloga VII, 45 Mosaico Leda e il cigno – kouklia Cipro

TITIRO e MELIBEO

TITIRO e MELIBEO e la CONFISCA DELLE TERRE Titiro e Melibeo, sono due proprietari terrieri, alle prese con gli espropri delle terre messo in atto a favore dei veterani di Ottaviano di ritorno da Filippi. Le confische interessarono le terre di Cremona e di Mantova e gli stessi possedimenti di Virgilio, che inizialmente riuscì a mantenere grazie alla protezione di Asinio Pollione. Successivamente il governatore della Gallia Cisalpina, Alfeno Varo, dispose la confisca delle terre del poeta. L’ecloga I è una denuncia ed espressione autobiografica dove Titiro e Melibeo sono l’arma interiore di Virgilio, con cui porta a conoscenza il dramma degli espropriati costretti a migrare e a colonizzare terre più lontane. TITYRUS …

FANTASIE NOTTURNE

Hic ego mendacem stultissimus usque puellam ad mediam noctem exspecto somnus tamen aufert intentum veneri tum immundo sommia visu nocturnam vestem maculant ventremque supinum  Eccomi come uno stupido ad aspettare fino a mezzanotte una ragazza bugiarda, infine mi addormentai, teso al richiamo di venere un sogno con scene lascive mi fa sporcare il ventre  e macchiare la veste mentre dormo supino. Orazio, Satira lib.V 82 – 85 Immagine Lucerna con scene erotiche.